Campo Marzo Festival | sabato 29 e domenica 30 giugno 2019

‼️ Campo Marzo Festival, un festival per far rinascere Campo Marzo ‼️ sabato 29 e domenica 30 GIUGNO 2019

👉 Due giorni di musica, picnic, arte e incontri con l’obiettivo di portare i vicentini a vivere il parco e le sue bellezze!

👉 DOMENICA 30 giugno, alle 17.30, ci saremo anche noi al Bar Smeraldo per il dibattito “La riduzione del danno: una riflessione sulla tossicodipendenza” con il dottor Vincenzo Balestra, direttore del Dipartimento per le dipendenze dell’Ulss 8 Berica, Laura Gobbo, psicoterapeuta della Fondazione S. Gaetano Onlus, e un video intervento del giornalista di Radio Radicale Roberto Spagnoli. Modera l’incontro il giornalista Giulio Todescan.

👉 TI ASPETTIAMO!!!

____________________

Campo Marzo, un festival per farlo rinascere
Due giorni di musica, picnic, arte e incontri

L’obiettivo: «Portare i vicentini a vivere il parco»

L’evento si tiene sabato 29 e domenica 30 giugno ed è promosso dalle associazioni
Arturo e Pontinpietra, con il co-finanziamento del CSV di Vicenza e la collaborazione
del Bar Smeraldo e di Spazio Nadir

Vicenza, 26 giugno 2019 – È intitolata “Un parco da vivere” la prima edizione di Campo Marzo Festival, evento che sabato 29 e domenica 30 giugno vuol portare i vicentini e non a tornare a vivere il loro parco. Per condividere un picnic, ascoltare musica, partecipare a laboratori, godere di arte e spettacoli, ma anche ragionare insieme sul futuro di questo polmone verde tanto unico quanto penalizzato da una cattiva fama che forse non merita.

Tra i concerti dal vivo, domenica alle 22 si esibiscono i Mangaboo di Francesco Pistoi (ex Motel Connection con Samuel dei Subsonica) e Giulietta Passera. I dibattiti, domenica pomeriggio, verteranno sui temi della tossicodipendenza, con il confronto tra esperti della riduzione del danno, e dell’autodifesa digitale.

Il festival si terrà nella parte est di Campo Marzo, attorno a viale Dalmazia. È’ promosso dall’associazione culturale Arturo e dall’associazione Pontinpietra, con il co-finanziamento del bando #tuttamialacittà del Centro Servizi per il Volontariato di Vicenza, con il supporto dell’Università IUAV di Venezia e in collaborazione con il Bar Smeraldo e con lo Spazio Nadir.

«L’obiettivo del festival è quello di portare i cittadini a vivere Campo Marzo, e a ragionare tutti insieme sulle marginalità che vivono questo parco – spiegano Nadir Bertacche di Arturo e Gianfranca Mastroianni di Pontinpietra –. Siamo convinti che solo da riflessioni e da pratiche collettive si possano costruire nuovi usi e un nuovo rapporto con questa grande risorsa della città, liberandola dalla gabbia di retoriche e pregiudizi che la imprigiona».

L’ingresso a tutte le attività è libero. Sarà presente un’area ristoro con food truck. L’evento è possibile grazie al sostegno di IT+Robotics.

 

Il programma

Il festival sarà diviso tra due “giornate solari” – con laboratori, musica, giochi, arte di strada, mostre e riflessioni – e, al calar del sole, due “serate stellari” con dj set, musica elettronica e video mapping.

Sabato 29 dalle ore 16.00 sono protagoniste le attività delle associazioni: Lua, Vicenza Human Library, Arciragazzi Vicenza, Non Dalla Guerra, La Tana dei Tarli, Inghirlanda, ASD Quadrato Meticcio, Pittura e Follia – Associazione Whydanghi, SelvArt – Parco Arte Natura, RI-Design. Pontinpietra

Spazio anche all’artigianato con il Live Screen Printing di Mark Serigrafia e le ceramiche fatte a mano di R&S Ceramica Pop. Alle 16 Mr Coso terrà uno spettacolo di clownerie.

Dalle 17 programma della musica dal vivo prevede le esibizioni di Irene Brigitte & Lil Alice, di Bibi Milanese e di Zabriski.

Dalle 20 si passa alla musica elettronica, con i dj set di Dax DJ, Prince Anizoba, Franky Suleman, Martino, CØSMO, Lady Gisa, Mursia. Alle 22 il live set di Mombao, in arrivo da Milano. I visual sono a cura di Flow Visual e dureranno fino alle 2 di notte.

Domenica 30, dalle ore 11, Picnic nel prato con l’invito a portare coperte e vivande. Associazioni, e artigianato tornano ad animare il parco.
Alle 16 di nuovo clownerie, questa volta con lo spettacolo di Gianluigi Igi Meggiorin, e dalle 17 musica dal vivo con DNA Irish Trio e Biopsy Blues Boutique.
Alle 18 spazio alla danza contemporanea con una performance, dal titolo “L’una”, del collettivo artistico vicentino Jennifer rosa / Voll.

Seguiranno dalle ore 20 il dj set di Entalpia, Junior, Prince Anizoba, Franky Suleman, Martino, Mursia, e alle 22 il concerto dal vivo di Mangaboo, progetto di Francesco Pistoi in arte Dj Pisti, storico componente dei Motel Connection con Samuel dei Subsonica, e di Giulietta Passera, insieme sul palco per un live set elettronico dalle atmosfere magnetiche e ritmiche: si balla e si sogna e stare fermi è impossibile. Accompagnano la serata i visual a cura di Flow Visual.

I dibattiti
Domenica pomeriggio, al Bar Smeraldo, spazio ai dibattiti. Alle 16 l’incontro “Autodifesa digitale e Hacking del Sé” a cura di Alessio Andriolo del collettivo Ippolita, che parlerà di gamification, delega cognitiva online e addestramento normativo nelle piattaforme digitali commerciali. Seguirà, alle 17.30, il dibattito “La riduzione del danno: una riflessione sulla tossicodipendenza” con il dottor Vincenzo Balestra, direttore del Dipartimento per le dipendenze dell’Ulss 8 Berica, Laura Gobbo, psicoterapeuta della Fondazione S. Gaetano Onlus, Alessandro Dal Lago, responsabile del reinserimento lavorativo della Cooperativa Sociale Insieme, e un video intervento del giornalista di Radio Radicale Roberto Spagnoli. Modera l’incontro il giornalista Giulio Todescan.

Info e contatti:
Facebook: facebook.com/CampoMarzoFestival
Instagram: @campomarzofestival
Email: campomarzofestival@gmail.com