Impressioni d’acque. Un’esposizione fotografica

“La gioia condivisa si amplifica.
Ne ricevo oltre misura dalla natura.
Adoro l’acqua; con l’espressione-impressione fotografica aspiro a catturarne le innumerevoli espressioni e la bellezza. Quando ciò accade l’immagine diventa come una sorgente dinamica.
Colgo l’opportunità e la disponibilità degli amici del Barco per presentarvi qualche immagine.
Il desiderio è di trasmettere ciò che ho ricevuto e amo, affinché possiate gioirne.
Buona visione”, Fabiano Carraro
========

IMPRESSIONI D’ACQUE, un’esposizione fotografica
🗓 al barco, dall’1 al 26 settembre
🕘 orario 9-19, chiuso la domenica e il lunedì
📧 fabiano.carraro@libero.it
https://www.facebook.com/fabiano.carraro.397

========

— Per approfondire: Fabiano Carraro si presenta!
Vivo a Vicenza, ho 61 anni.
Sono appassionato di fotografia dall’adolescenza, con un amico che
aveva ricevuto come regalo di compleanno la reflex giapponese!
Diapositive, al tempo, moolta attenzione a quando scattare e
impressionare ciascuna delle 36 pose, costose senza la mancetta, i
genitori operai come sponsor.
Fotografo da un po’ più di un trentennio, inizialmente come autodidatta, dopo il passaggio al digitale anche con qualche corso di formazione tecnica e di interpretazione. Da questa formazione un percorso dinamico, con la consapevolezza crescente della fotografia come espressione personale di ciò vedo, che sono e sento, come riconoscimento e rappresentazione di ciò che mi attrae dal profondo.
Il movimento intenzionale della macchina fotografica è stata una rivelazione personale, ancora prima di conoscere la tecnica ICM (intentional camera movement); è per me ogni volta come una
porta a una diversa dimensione non solo visiva, alternativa alla nitidezza e al rapido consumo di un’immagine tradizionale.
Presento questo studio in evoluzione, maturato dall’attrazione per le bellezze naturali e le emozioni dai Maestri Impressionisti.
Il tentativo è di un ingaggio visivo lento, invito a cogliere ciò che l’immagine può esprimere a ciascuno.
Per lasciare a pieno questa libertà ho volutamente omesso un titolo ad ogni foto.